L’utilizzo della pillola contraccettiva ha apportato un vero miglioramento nella vita delle donne, una conquista per la propria sessualità e libertà. Tanti sono i buoni motivi per prendere la pillola oltre il principale motivo contraccettivo,(contrasta l’androgenismo, i dolori premestruali, migliora il tono del seno) altrettanti sono i disturbi che l’assunzione di questi ormoni comportano. Tra i fastidi, più o meno dimostrati, vi è il temutissimo Calo della Libido.

Infatti la pillola contiene progestinici ed estrogeni (seppur a basso dosaggio) che purtroppo possono causare questo effetto sulla donna, la quale in alcuni casi decide addirittura per l’interruzione del farmaco al fine di  ritrovare il piacere e il desiderio nell’intimità di coppia.

Ad ogni modo nelle pillole odierne il dosaggio è talmente basso che si pensa che le cause rispetto questo fenomeno siano maggiormente legate alla sfera psicologica.

L’integrazione con vitamine soprattutto magnesio e le vitamine B6 e B12 e sali minerali può aiutare ad arginare il problema del calo della libido. (* effetto riscontrato dal sondaggio dalle utilizzatrici di Zyxelle)

Alcune donne infatti hanno così paura degli effetti di questo contraccettivo sulla sessualità da concretizzarli; altre invece, pur assumendo la pillola per propria scelta, paradossalmente non riescono più a provare piacere vivendo un rapporto sessuale non più a rischio di gravidanza.

Insomma che sia di natura farmacologica o psicologica il calo della libido è un nemico che colpisce e spaventa.

Di seguito le cause (oltre l’assunzione della pillola anticoncezionale) che inducono il calo della libido, divise in 2 tipologie, cliniche e psicologiche:

 

calodesideio
Come correre ai ripari?

Prima di tutto va individuata l’origine del calo del desiderio, qualora fosse di origine psicologia le soluzioni possibili possono essere: dedicare del tempo alla vita di coppia, anche attraverso un week end romantico dove lasciarsi andare a tenerezze e magari sfoderare quel completino sexy ancora col cartellino. Questo è un ottimo modo anche per combattere lo stress, la stanchezza ed è anche un buon antidepressivo. E’ importante la comunicazione e il sostegno reciproco, l’apertura al dialogo è importante, basta evitare il problema con la storia del mal di testa, magari di fronte ad una cenetta afrodisiaca a base di spezie come lo zafferano lo zenzero e la cannella.

Questi sono consigli semplici qualora il problema fosse più complesso e delicato occorre rivolgersi ad uno specialista.