Diciamoci la verità: quando si tratta di alzare il telefono e prendere un appuntamento col medico ci trasformiamo in campionesse indiscusse di temporeggiamento e tendiamo a rimandare.

“Non ho tempo”, “non è il momento giusto”, “sono il ritratto della salute”. Tutte almeno una volta abbiamo trovato delle scusanti per sottrarci alla “temuta visita”, ma la prevenzione parte proprio da noi e dalla nostra volontà di non trascurare gli esami necessari per la nostra salute.

Quindi, niente più scuse! Se non avete mai sentito parlare di questi controlli, è giunto il momento di sottoporvi a un check up completo con un medico specialista.

Per semplicità, abbiamo pensato di stilare per voi una lista dei controlli di routine fino ai 39 anni, consigliati anche dal Ministero della Salute, da inserire nella vostra agenda:

Controllo ginecologico:
Chi lo deve fare: tutte le donne a partire dalla prima mestruazione
Quando: 1 volta l’anno
Perché è importante: tappa obbligatoria per ogni donna, la visita ginecologica dovrebbe essere inserita nella nostra lista di “cose da fare” almeno 1 volta l’anno. La visita è indispensabile per verificare la regolarità del ciclo mestruale, l’assenza di infezioni batteriche ed è per questo che il ginecologo ci accompagna normalmente in quasi tutte le fasi della nostra vita.
Inoltre, sulla base della storia di ciascuna paziente, il ginecologo o la ginecologa possono anche valutare il rischio oncologico individuale.

Pap Test:
Chi lo deve fare: tutte le donne dai 25 ai 35 anni
Quando: ogni 2 – 3 anni a seconda dei risultati individuali e del parere del medico curante
Perché è importante: il nostro “vecchio amico” “Pap Test”, indispensabile per valutare la presenza di alterazioni o lesioni, ma anche di batteri e di funghi come la Candida, e prevenire il tumore al collo dell’utero dovrebbe essere effettuato con regolarità. Il test non è doloroso e consiste in un prelievo di una piccola quantità di cellule del collo dell’utero effettuato generalmente durante la visita ginecologica.

HPV Test:
Chi lo deve fare: tutte le donne a partire dai 35
Quando: ogni 5 anni o come consigliato dal medico curante
Perché è importante: a partire dai 35 anni di età, il Pap Test viene sostituito con un nuovo metodo di indagine, l’HPV test, che permette di individuare in maniera precoce la presenza del Papilloma virus ancora prima che abbia fatto “danni”, ossia provocato alterazioni nelle cellule.
Come il Pap Test, anche il Test HPV si esegue sempre su un piccolo campione di cellule prelevate dal collo dell’utero, però non è un esame morfologico ma un esame di biologia molecolare che permette di rilevare la presenza dell’HPV mediante l’individuazione del DNA virale.

Visita senologica
Chi la deve fare: tutte le donne a partire dai 20 anni
Quando: una volta all’anno, o come indicato dal medico curante
Perché è importante: la visita senologica consiste in un esame clinico completo del seno da parte del medico specialista, il senologo, e serve a discriminare la presenza di patologie benigne del seno, come la mastopatia o fibroadenomi, e a alla diagnosi precoce del tumore alla mammella. La visita senologica è indolore, effettuata con la palpazione o, se ritenuto necessario da parte del medico specialista, approfondita con un’ecografia mammaria.

Autopalpazione del seno
Chi la deve fare: tutte le donne a partire dai 20 anni
Quando: ogni mese
Perché è importante: l’autopalpazione del seno è importante perchè consente a ciascuna donna di imparare a conoscere il proprio seno e per identificare in maniera tempestiva eventuali cambiamenti nel tempo.
L’autopalpazione andrebbe eseguita ogni mese, tra il 7 e il 14 giorno del del ciclo mestruale a partire dall’osservazione e dalla palpazione.

Visita preconcezionale
Chi la deve fare: tutte le donne che desiderano una gravidanza
Quando: prima del concepimento
Perchè è importante: Nel caso in cui stiate pianificando una gravidanza, è consigliata una visita preconcezionale, ossia prima del concepimento, presso il proprio ginecologo di fiducia per ridurre rischi di patologie sia materne che fetali. Il ginecologo saprà consigliare gli esami necessari e i comportamenti più adeguati da tenere, come la sospensione del fumo prima di rimanere incinta o l’integrazione di acido folico, per prevenire malformazioni nel bambino.