Zyxelle per tornare pieni di energia

Settembre è alle porte e un po’ per tutti sono finite le ferie estive, ci siamo rilassati al mare, rinvigoriti in montagna, innamorati di qualche posto esotico e sicuramente ci siamo ricordati di tutti i consigli e delle buone abitudini per affrontare l’estate citate nel nostro post di luglio.
Ora eccoci di nuovo a lavoro, noi di Zyxelle siamo carichi e pieni di energia, grazie anche all’apporto di magnesio contenuto nella nostra pillola per la pillola, e voi?  Per chi ha qualche difficoltà in più ecco 5 pratici e utili consigli che ci suggerisce la rivista Forbes per rientrare in ufficio nella maniera più ottimale!

NON LA SOLITA LISTA DI CONSIGLI BANALI MA UN VERO E PROPRIO PIANO D’ATTACCO!

5 Consigli per ritornare a lavoro dopo le vacanze

L’idea che ognuno di noi si crea nella mente del proprio ritorno rispetto alla realtà spesso non coincide affatto. Di fatto molti di noi immagina di sedersi alla propria scrivania pieni di energia e una ritrovata creatività alimentatrice per nuovi progetti, invece sarà molto più probabile che ci troveremo seduti per ore (forse giorni) a mettere a posto e scrutare quella valanga di email arrivate e nel frattempo inizieranno ad accumularsi compiti su compiti.

“Sistema tutto il possibile prima di partire per evitare che al tuo ritorno si accumulino troppe cose” dice Julie Morgenstern, consulente produttivo e autrice di Non controllare mai le email la mattina, una volta che investi in questo processo, diventa un automatismo. Ogni volta che parto, questo è il mio salvagente.”

Pianifica il ritorno

Quando si pianificano le ferie, la maggior parte delle persone si focalizza nell’organizzazione della partenza. Evita di distruggere tutto il benessere ritrovato trattando il tuo ritorno come qualcosa che deve essere anch’essa gestita in anticipo.

Mentre molte di noi pensano di massimizzare il tempo delle vacanze tornando a casa la domenica sera Laura Vanderkam, autrice di 168 ore: hai più tempo di quanto pensi suggerisce invece un ritorno earlier-than-last-minute (meglio prima che all’ultimo minuto).

“Prendi in considerazione di tornare sabato invece che domenica” dice la Vanderkam, utilizzando quel tempo per disfare le valige, fare un po’ di spesa, e startene un po’ in pace.

Sistema le priorità

Non tornate in ufficio dopo le ferie senza avere un piano d’attacco, a meno che tu voglia essere schiacciato e travolto!

“La tendenza è di provare a rimediare a tutte le riunioni perse” dice la Vanderkam. “Cerca di spostare il più possibile queste attività al secondo giorno o nel pomeriggio, datti un po’ di spazio”.

Morgenstern suggerisce di essere protettivo e meticoloso con il tempo che hai messo da parte per recuperare come faresti per una riunione o una presentazione.

“Creati del tempo di transizione, non prendere impegni il primo giorno di lavoro, riservati del tempo” dice Morgestern. “e blocca la tua agenda. Se sembra che sei disponibile, le persone inizieranno a riempirti di cose da fare”.

La risposta automatica “fuori ufficio” è la prima arma di difesa, usala a tuo vantaggio

La tua risposta automatica “fuori ufficio” deve essere veritiera, utile e onesta ma non così onesta! Vanderkam suggerisce di lasciarla per un po’, così i tuoi colleghi sapranno che sei disponibile ma aiuterà ad arginare la marea di richieste di informazioni, o almeno a ridurre l’aspettativa di una risposta immediata. Lei e Morgenstern concordano sul fatto che un messaggio di out-of-office diretta a soggetti esterni dovrebbe includere le indicazioni per chi contattare in base alle contingenze. Valuta chi vi invierà delle email e suddividili in 2 o 3 categorie e fai sapere loro quando potrebbero aspettarsi una risposta.

Morgenstern aggiunge che è giusto suggerire di inviare solleciti perché alcune mail potrebbero non essere ricevute.

“Tutti coloro che inviano mail capiscono il problema del volume di email che si accumulano e che qualcosa può andare persa. Non è un grande problema per nessuno – si sta solo dando un avviso. “La tua mail potrebbe essere persa o bruciata, sentiti libero di sollecitarmi una risposta”

Ti Senti Abbastanza coraggioso? Salta tutti quei giorni a scorrere le mail e distruggi la tua casella di posta.

Il solo pensiero di perdere i messaggi della casella di posta probabilmente fa correre un brivido lungo tutta la spina dorsale, ma alcuni sostengono che l’epurazione post- vacanza delle mail può essere solo la cosa di cui avete bisogno per tornare in pista senza perdere un giorno intero di manutenzione della casella di posta.

” Alcune persone danno un rapido sguardo a ciò che è contrassegnato, vedono cosa è interessante, e quindi eliminano il resto”, dice Vanderkam.

Dovremmo cercare di essere indispensabili, ma rendendoci conto che ciò non ci renderà un impiegato migliore.

Vanderkam dice il momento in cui si pianifica e si ritorna da una vacanza può essere un buon momento per un adeguamento della prospettiva professionale. Tutti vorremmo essere i best in class dell’ufficio, ma pensare che la compagnia non possa andare avanti senza di noi può essere dannoso alla lunga!

Lei descrive una sua vacanza di cinque giorni dove credeva che le reti WiFi sarebbero facilmente disponibili, scoprendo invece che non lo erano. Dopo aver fatto tutto il possibile per prepararsi al meglio per il tempo che avrebbe speso fuori, si rese conto che la sua unica possibilità era quella di cambiare la sua prospettiva sul bisogno di essere connessa.

“Nessun esercito stavano aspettando la mia parola a invadere i paesi “, dice Vanderkam. ” Ho perso un paio di cose, ma potevo chiedere scusa quando sarei tornata. Ho perso un paio di occasioni. Ce ne saranno altre “.

Imparate a pianificare a monte, contare sui vostri collaboratori, e capire che a volte, è inevitabile che vi perdiate qualche richiesta dell’ultimo minuto, ma sarete molto più produttive al vostro ritorno.